mercoledì 5 novembre 2008

Yes We Can

...
...beh, siamo contenti, no?

Barack Obama, classe 1961, è il 44° Presidente degli Stati Uniti.

Il primo presidente nero.

"Nero? Non si può dire", si scusa Vespa, "bisogna dire afro-americano".

Martin Luther King nei suoi discorsi diceva negro, senza tanti problemi.

Frattini, quella faccia da secchione figlio di papà diventato adulto, sostiene che Obama ha molti punti in comune con Berlusconi: sì, certo, il colore della pelle di uno e il cerone dell'altro.

Vespa non è Martin Luther King, Berlusconi non è Obama, Frattini invece può diventare il nuovo Bondi.

Qualcuno vuole dire a Veltroni che lui non vale nemmeno un pelo del sedere di Obama?

will.i.am (barack obama and friends) - yes we can (mp3)



It was a creed written into the founding documents that declared the destiny of a nation.
Yes we can.
It was whispered by slaves and abolitionists as they blazed a trail toward freedom.
Yes we can.
It was sung by immigrants as they struck out from distant shores and pioneers who pushed westward against an unforgiving wilderness.
Yes we can.
It was the call of workers who organized; women who reached for the ballots; a President who chose the moon as our new frontier; and a King who took us to the mountaintop and pointed the way to the Promised Land.
Yes we can to justice and equality.
Yes we can to opportunity and prosperity.
Yes we can heal this nation.
Yes we can repair this world.
Yes we can.



PS: le foto di questo post (la prima scattata a Seligman, sulla route 66, la seconda in un bagno di Las Vegas), come quelle del deserto e di Amsterdam, sono state scattate da me, e quindi ci potete fare quello che volete. Per l'mp3, il video e le parole di will.i.am, yes we can, credo non ci siano problemi...

I have been busted for infringing the DMCA in my last post (the best 55 songs ever), which was removed by Mr Blogger without pre-notice. The pictures published here and in the last posts are all mine, so you can use them for whatever you like. The hell with DMCA! What's this, fucking 1984?

10 commenti:

Maria Rita ha detto...

Ho sempre creduto in Obama. Ma bisogna vedere i fatti prima di parlare. Per esperienza personale, ho imparato che non si può mai cantare vittoria se non si ha la medaglia al collo. Inoltre, aggiungo che le persone possono sempre nascondere un cosiddetto "lato oscuro", ovvero sconosciuto, inimmaginabile e (apparentemente) inspiegabile.
Pensando a queste cose, mi è tornata in mente una persona conosciuta diverso tempo fa... Mi fidavo delle sue parole, forse ingannata da uno sguardo sincero, forse presa da discorsi adulatori. Sentivo che qualcosa ci univa, che questo qualcosa poteva crescere con il tempo... per un momento, ho sentito questa persona mia. Ma, in verità, mia non lo sarebbe diventata mai. Venne fuori un lato del oscuro che mai avrei potuto immaginare. Di colpo, ella sembrava essersi dimenticata di me... e tutto il mare di promesse che mi ha fatto è annegato in un mare di indifferenza e opportunismo.
Ti chiedo scusa, Indie, per questa mia divagazione. Sono sicura che tu sia in grado di comprenderla e giustificarla...

digito ergo sum ha detto...

nero, bianco o mulatto non fa differenza. ha solo un enorme incurabile neo. è americano. e tanto mi basta. siam tutti nella cacca.

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo che il colore della pelle non fa differenza e che bisogna aspettare le sue mosse politiche prima di stilare giudizi pro o contro. Per quanto riguarda l'antiamericanismo, mi sa tanto di nostalgia sessantottina e neorazzismo modaiolo. Ma credete forse che gli italiani o gli iracheni siano meglio dagli americani?

digito ergo sum ha detto...

chiedo veramente scusa per l'intrusione. ma anonimo mi fa girare i maroni...

"neorazzismo modaiolo" un paio di cazzi. no. il punto è proprio questo, non sono migliori nè degli italiani né sono meno estremisti dei talebani. è proprio per questo che piuttosto di andare ad importare la democrazia (che non sanno, al pari di tutti gli altri, neppure cosa sia) per bombardare i civili al mercato, potrebbero tranquillamente crogiolarsi nella merda che sono, piuttosto che rompere le scatole al mondo intero.

ualà. l'ho detta... :-)

lucagel1 ha detto...

Gaurda che gli altri scagnozzi del Re non scherzano....Caro Indie we have a dream....

Emi ha detto...

indie...non dirmi che il prossimo viaggetto te lo fai in Usa a trovare Obama...?
io sono tornata...e fra un po' riparto...mi sa che mi hai attaccato la tua abitudine a fare vacanze...:)

Charlie68g ha detto...

Sono contento si per Obama, ma ho una gran paura che quella parte folle di america che gira armata anche per andare in bagno, e che guarda caso conserva ancora qualche chilogrammo di razzismo, riesca prima o poi a realizzare quegli assurdi intenti che sta già manifestano più o meno apertamente.
Sarebbe una tristezza e una sconfitta enorme, faccio tutti i miei migliori auguri affinché questo evento non si avveri mai

Silvia ha detto...

Vedremo...Intanto siamo contenti :)

Un saluto, a presto!

lucagel1 ha detto...

ma la foto del post precedente non assomiglia al Joshua Tree?

indierocker ha detto...

@maria rita:
e' vero, forse tutti nascondiamo un lato oscuro, pero' a te e' andata bene in fondo: per fortuna era solo opportunismo ciò che questa persona nascondeva, ma almeno non ti sei ritrovata a pezzetti in un frigorifero, no?!?
...ooohhh, scherzo, per non drammatizzare. cmq credo che obama sia veramente quello che ci ha fatto vedere in campagna elettorale, e non avremo delusioni!

@digito:
troooooooppo severo nei confronti delgi USA. parlo da indierocker: senza gli USA saremmo ancora fermi a Beatles e Rolling Stones!
...come? non sarebbe male essersi fermati lì? ...beh, forse hai ragione....

@anonimo:
no, non siamo meglio di loro, almeno non di quelli che non rompono i coglioni esportando le guerre dove il dollaro li porta a farlo...

@digito:
un paio di cazzi, quindi i maroni che girano, facendo un rapido calcolo.... sono quattro!
...e fanculo a quelli che esportano la guerra in nome della democrazia, ma in verita' e la plutocrazia...

@lucagel:
gli altri scagnozzi del Re? ...?
...si', we have a dream...
...pero', loro l'hanno realizzato, noi abbiamo ancora tra le palle berlusconi e veltroni!

@emi:
raccontaci, raccontaci: dove sei stata e dove te ne andrai??? bella vita, eh?

@charlie, profetico charlie:
ho letto che le vendite di armi hanno subito una impennata in tutti gli USA, nel solo timore che Obama potesse approvare leggi più restrittive! ...e, se per assurdi intenti intendi che faranno fuori obama, beh, spero di no!!!

@silvia:
siiiiiiii! siamo moooooolto contenti! pero' questo ci fa soffrire ancora di piu' per i nani e le ballerine (oh, ma e' proprio vero! non è un modo di dire) che abbiamo al governo, e per gli orsacchiotti che abbiamo all'opposizione!

@lucagel:
bravo!!!! e' proprio uno joshua tree quello li', o yucca brevifolia, o anche album degli u2, che si trova nei deserti della california del sud (l'albero, non il disco degli u2!)